Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Approvato all’unanimità il Bilancio di Esercizio 2018


L’Assemblea Nazionale dei Delegati Enpav, riunitasi a Cagliari lo scorso 30 aprile, ha approvato all’unanimità il Bilancio di Esercizio del 2018.
Il patrimonio complessivo si attesta a € 750,2 milioni, in crescita dell’8,2% rispetto a quello del 2018.
La gestione contributi evidenzia una crescita netta pari al 5,46% (+ € 5.418.295), a fronte dell’incremento del 5,08% registrato sul fronte delle prestazioni.
Stabile sia il rapporto tra iscritti e pensionati, superiore a 4 iscritti per pensionato, sia l’indica di copertura della spesa previdenziale che pari a 2,7.
L’esercizio 2018 si chiude con un utile di € 45.186.059.
L’anno 2018 è stato caratterizzato dalle forti turbolenze dei mercati che hanno interessato il contesto economico finanziario generale e determinato andamenti negativi nella quasi totalità dei mercati. Nella sua relazione sugli investimenti, il Vice Presidente, Tullio Scotti, ha commentato gli scenari macroeconomici, che hanno reso l’anno 2018 l’annus horribilis dei mercati, soprattutto nell’ultimo trimestre, ma ha anche sottolineato come la ripresa dei valori sia stata ad oggi totale. L’approvazione del Bilancio è stata preceduta dalla relazione del Presidente Mancuso che ha introdotto il suo intervento facendo un focus sull’evoluzione della professione veterinaria e su come la stessa venga esercitata sempre più attraverso strutture veterinarie complesse che assumono la forma giuridica di società, anche di capitali. In merito ha concluso sulla necessità di avviare un percorso verso la creazione di una sorta di anagrafe delle strutture veterinarie.
Il Presidente è tornato anche sul tema del recupero dei crediti contributivi, per il quale il CdA Enpav ha deciso di affidarsi all’Agenzia delle Entrate Riscossione, individuando modalità diverse per i crediti più risalenti nel tempo e quelli che matureranno a partire dal corrente anno. Soluzione, quella dell’Agenzia delle Entrate, che rispetto ad altre alternative, è risultata quella che garantisce imparzialità e trasparenza normativa.
Del comparto immobiliare dell’Enpav ha poi parlato il Consigliere Oscar Gandola, con una panoramica sugli investimenti dell’Ente, diretti e indiretti, sulle due società immobiliari interamente partecipate dall’Ente, Immobiliare EnpavRe ed Edilparking, e sulle prospettive future che potrebbero andare nella direzione di investire in mercati immobiliari esteri.
Il Direttore Generale, Giovanna Lamarca, con una relazione sulla riorganizzazione che ha interessato la struttura dell’Ente negli ultimi anni e Marcello Ferruggia, Dirigente dei Sistemi Informativi, che ha parlato degli interventi realizzati in tema di cyber security e di adeguamento alla nuova normativa europea sulla privacy, hanno concluso la carrellata degli interventi.