Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Regione Puglia. Finanziamenti per nuove iniziative di impresa.

La Regione Puglia ha pubblicato il quinto avviso Nidi - Nuove Iniziative d'impresa, l'iniziativa regionale volta a combattere la disoccupazione creando occasioni per l'autoimpiego e la creazione di start up da parte di soggetti svantaggiati. Le risorse complessive disponibili destinate al Fondo ammontano a € 54.000.000,00.

I professionisti (anche sanitari e iscritti all’Albo) vi possono partecipare in forma di associazione tra professionisti e Società di professionisti.

Sono ammissibili alle agevolazioni progetti finalizzati:
  1. alla nascita di nuove imprese. Pertanto, non saranno ritenute esaminabili domande relative ad iniziative che siano di fatto in continuità operativa e gestionale o che si configurino come rilevamento o ampliamento di imprese preesistenti.
    Saranno considerate in continuità rispetto ad imprese preesistenti le iniziative per le quali si verifichi anche solo una delle seguenti condizioni:
    • il rilevamento di una impresa esistente o l’acquisto di ramo di azienda di impresa esistente;
    • alla data di presentazione della domanda preliminare, la sede operativa individuata sia coincidente o adiacente con la sede operativa/legale utilizzata nell’arco degli ultimi 6 mesi da un’attività operante nel medesimo settore o in un settore connesso, attinente o collegato;
    • alla data di presentazione della domanda preliminare, la persona individuata come amministratore del soggetto proponente sia, o sia stato negli ultimi 3 mesi, titolare o amministratore di altra attività operante nel medesimo settore o in un settore connesso, attinente o collegato.
  2. al ricambio generazionale. Potranno presentare domanda di agevolazione parenti o affini – entro il 2° grado in linea discendente – di un imprenditore che abbiano intenzione di rilevare l’azienda preesistente.
  3. alla salvaguardia dell'occupazione nel caso di crisi aziendali. Potranno presentare domanda di agevolazione anche dipendenti di imprese poste in liquidazione o soggette a procedura concorsuale che intendano costituirsi in società o cooperativa per rilevare l’azienda in crisi da cui dipendono.

Le intensità di aiuto sono così stabilite:
  1. Per programmi di investimento:
    • fino a € 50.000,00, l’intensità di aiuto è pari al 100% degli investimenti ammissibili
    • compreso tra € 50.000,01 e 100.000,00 l’intensità di aiuto è pari al 90% degli investimenti ammissibili
    • compreso tra € 100.000,01 e 150.000,00 l’intensità di aiuto è pari all’80% degli investimenti ammissibili
  2. Per programmi di investimento per le iniziative imprenditoriale nella forma della piccola impresa riguardanti:
    • passaggio generazionale
    • rilevamento di impresa in crisi da parte dei dipendenti che intendano salvaguardare la propria occupazione
    • società cooperative di lavoratori dipendenti dell’impresa confiscata che gestiscono aziende confiscate con provvedimento di confisca definitiva

fino ad € 250.000,00 l'intensità di aiuto non potrà essere superiore all’80% degli investimenti ammissibili

Le agevolazioni in conto impianti sugli investimenti non possono superare l’importo massimo di €120.000,00 (€ 200.000,00 per le imprese di cui al punto 2) e sono costituite da:
  • un contributo a fondo perduto pari al 50% dei totali degli investimenti agevolati;
  • un prestito rimborsabile pari al 50% dei totali degli investimenti agevolati.

Questo il sito di riferimento:
http://www.nidi.regione.puglia.it/

Questo il testo del bando, che rimarrà aperto fino ad esaurimento fondi:
http://www.sistema.puglia.it/portal/page/portal/SistemaPuglia/DettaglioNews?id=47775