Questo sito utilizza cookies esclusivamente tecnici di sessione o per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso.

Eventi sismici Lazio Umbria Marche Abruzzo – Agevolazioni per i titolari di reddito da lavoro autonomo


Il MiSE ha fornito chiarimenti sulla determinazione dell'importo dell'agevolazione da richiedere sulle domande per l'accesso alle esenzioni fiscali e contributive, in favore di imprese che svolgono la propria attività o che la avviano entro il 31 dicembre 2017, nella zona franca istituita nei Comuni colpiti dagli eventi sismici nel Lazio, nell’Umbria, nelle Marche e nell’Abruzzo.

Possono beneficiare dell’agevolazione i titolari di reddito da lavoro autonomo, con esclusivo riferimento all’esonero dal versamento dei contributi previdenziali ed assistenziali sulle retribuzioni da lavoro dipendente.

I titolari di reddito da lavoro autonomo, ai fini dell’accesso all’esonero dal versamento dei contributi previdenziali e assistenziali sulle retribuzioni da lavoro dipendente, devono aver presentato, alla data di presentazione dell’istanza, la comunicazione di cui all’articolo 35 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633 e successive modificazioni e integrazioni.

I professionisti devono dimostrare una riduzione del fatturato del 25% nel periodo che decorre:

  • Dal 1/9/16 al 31/12/16 (rispetto al medesimo periodo del 2015) per i soggetti localizzati nei comuni:
    • Regione Abruzzo
      • Campli (TE)
      • Campotosto (AQ)
      • Capitignano (AQ)
      • Castelli (TE)
      • Civitella del Tronto (TE)
      • Cortino (TE)
      • Crognaleto (TE)
      • Montereale (AQ)
      • Montorio al Vomano (TE)
      • Rocca Santa Maria (TE)
      • Teramo
      • Torricella Sicura (TE)
      • Tossicia (TE)
      • Valle Castellana (TE).
    • Regione Lazio
      • Accumoli (RI)
      • Amatrice (RI)
      • Antrodoco (RI)
      • Borbona (RI)
      • Borgo Velino (RI)
      • Cantalice (RI)
      • Castel Sant’Angelo (RI)
      • Cittaducale (RI)
      • Cittareale (RI)
      • Leonessa (RI)
      • Micigliano (RI)
      • Poggio Bustone (RI)
      • Posta (RI)
      • Rieti
      • Rivodutri (RI).
    • Regione Marche
      • Acquacanina (MC)
      • Acquasanta Terme (AP)
      • Amandola (FM)
      • Apiro (MC)
      • Appignano del Tronto (AP)
      • Arquata del Tronto (AP)
      • Ascoli Piceno
      • Belforte del Chienti (MC)
      • Belmonte Piceno (FM)
      • Bolognola (MC)
      • Caldarola (MC)
      • Camerino (MC)
      • Camporotondo di Fiastrone (MC)
      • Castel di Lama (AP)
      • Castelraimondo (MC)
      • Castelsantangelo sul Nera (MC)
      • Castignano (AP)
      • Castorano (AP)
      • Cerreto D’esi (AN)
      • Cessapalombo (MC)
      • Cingoli (MC)
      • Colli del Tronto (AP)
      • Colmurano (MC)
      • Comunanza (AP)
      • Corridonia (MC)
      • Cossignano (AP)
      • Esanatoglia (MC)
      • Fabriano (AN)
      • Falerone (FM)
      • Fiastra (MC)
      • Fiordimonte (MC)
      • Fiuminata (MC)
      • Folignano (AP)
      • Force (AP)
      • Gagliole (MC)
      • Gualdo (MC)
      • Loro Piceno (MC)
      • Macerata
      • Maltignano (AP)
      • Massa Fermana (FM)
      • Matelica (MC)
      • Mogliano (MC)
      • Monsapietro Morico (FM)
      • Montalto delle Marche (AP)
      • Montappone (FM)
      • Monte Rinaldo (FM)
      • Monte San Martino (MC)
      • Monte Vidon Corrado (FM)
      • Montecavallo (MC)
      • Montedinove (AP)
      • Montefalcone Appennino (FM)
      • Montefortino (FM)
      • Montegallo (AP)
      • Montegiorgio (FM)
      • Monteleone (FM)
      • Montelparo (FM)
      • Montemonaco (AP)
      • Muccia (MC)
      • Offida (AP)
      • Ortezzano (FM)
      • Palmiano (AP)
      • Penna San Giovanni (MC)
      • Petriolo (MC)
      • Pieve Torina (MC)
      • Pievebovigliana (MC)
      • Pioraco (MC)
      • Poggio San Vicino (MC)
      • Pollenza (MC)
      • Ripe San Ginesio (MC)
      • Roccafluvione (AP)
      • Rotella (AP)
      • San Ginesio (MC)
      • San Severino Marche (MC)
      • Sant’Angelo in Pontano (MC)
      • Santa Vittoria in Matenano (FM)
      • Sarnano (MC)
      • Sefro (MC)
      • Serrapetrona (MC)
      • Serravalle del Chienti (MC)
      • Servigliano (FM)
      • Smerillo (FM)
      • Tolentino (MC)
      • Treia (MC)
      • Urbisaglia (MC)
      • Ussita (MC)
      • Venarotta (AP)
      • Visso (MC).
    • Regione Umbria
      • Arrone (TR)
      • Cascia (PG)
      • Cerreto di Spoleto (PG)
      • Ferentillo (TR)
      • Montefranco (TR)
      • Monteleone di Spoleto (PG)
      • Norcia (PG)
      • Poggiodomo (PG)
      • Polino (TR)
      • Preci (PG)
      • Sant’Anatolia di Narco (PG)
      • Scheggino (PG)
      • Sellano (PG)
      • Spoleto (PG)
      • Vallo di Nera (PG).

  • Dal 1/9/16 al 31/12/16 (rispetto al medesimo periodo del 2015) per i soggetti localizzati nei comuni:
    • Regione Abruzzo
      • Barete (AQ)
      • Cagnano Amiterno (AQ)
      • Castelcastagna (TE)
      • Colledara (TE)
      • Fano Adriano (TE)
      • Farindola (PE)
      • Isola del Gran Sasso (TE)
      • Pietracamela (TE)
      • Pizzoli (AQ).

http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/normativa/Circ-15-09-2017-n-114735-ZFU-sisma-Centro-Italia.pdf

Regione Veneto – Finanziamenti per i liberi professionisti per lo sviluppo di nuove attività


La Regione Veneto ha emanato un nuovo bando aperto anche ai professionisti.

Verranno finanziati, nella misura massima del 50% fino a 75.000€, i progetti di supporto all’avvio, insediamento e sviluppo di nuove attività in grado di promuovere ricambio e diversificazione nel sistema produttivo, oltre a generare nuove attività occupazionali.

Il progetto ammesso all’agevolazione dev’essere concluso ed operativo entro il termine perentorio del 14 settembre 2018.

Sono ammissibili le spese relative a:
  1. Macchinari, impianti produttivi, hardware, attrezzature ed arredi nuovi di fabbrica
  2. Spese di progettazione, direzione lavori e collaudo connesse alle opere edili/murarie di cui al successivo punto 6
  3. Spese notarili di costituzione della società o dell’associazione di professionisti
  4. Mezzi di trasporto ad uso interno ed esterno, ad esclusivo uso aziendale, con l’esclusione delle autovetture
  5. Consulenze specialistiche finalizzate all’accompagnamento/tutoraggio del beneficiario nella fase di realizzazione del progetto ammesso all’agevolazione
  6. Opere edili/murarie e di impiantistica
  7. Programmi informatici

Il contributo concesso viene erogato dietro presentazione di domanda da parte dei soggetti beneficiari che dovrà essere presentata entro il termine perentorio del 1 ottobre 2018, esclusivamente tramite il Sistema SIU.

La domanda delle credenziali per accedere al SIU potrà essere presentata fino alle ore 18.00 del 16.11.2017. (http://www.regione.veneto.it/web/programmi-comunitari/siu)

Ulteriori informazioni al link sottostante
https://bandi.regione.veneto.it/Public/Dettaglio?idAtto=1885&fromPage=Elenco&high=3.5.1

20/10/2017 Regione Sardegna: bandi per la biomedicina

La regione Sardegna ha aperto la seconda edizione del bando “Ricerca nel settore della biomedicina”.

Il bando è riservato alle imprese (di qualsiasi dimensione), ma è interessante anche per i medici veterinari in quanto, tra le materie di ricerca ammissibili al finanziamento vi è anche la medicina veterinaria.

I medici veterinari, quindi, potrebbero essere coinvolti come subcontractors, ovvero essere destinatari di uno specifico incarico all’interno del progetto.

Quindi, anche se il finanziamento sarà effettivamente incassato dall’impresa (che sarà titolare e responsabile del progetto) i medici veterinari potranno essere coinvolti come ricercatori.

Il bando finanzia progetti per un massimo di 80.000€, in diverse percentuali a seconda delle dimensioni dell’impresa richiedente.

Le domande devono essere presentate entro le 12.00 del 24 novembre 2017 via pec all’indirizzo protocollo@cert.sardegnaricerche.it

Tutta la documentazione relativa al bando può essere scaricata dal sito:
http://bit.ly/2yyVcKu

Dal 1° luglio Split Payment per Enpav


Enpav è destinataria delle disposizioni contenute nel D.L. 24 aprile 2017, n. 50 in materia di Split Payment.

Con tale provvedimento è stato esteso l’ambito di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti dell’IVA (c.d. Split Payment) per tutte le operazioni, sia prestazioni di servizi sia cessioni di beni, effettuate nei confronti degli enti inseriti nel conto consolidato pubblicato dall’ISTAT.

A decorrere dal 1° luglio 2017, le fatture elettroniche indirizzate ad Enpav dovranno essere emesse nel rispetto di tale normativa, indicando nel campo IVA:
"esigibilità IVA" [S]: scissione dei pagamenti

Eventuali fatture emesse dopo il 1° luglio 2017 con IVA ad esigibilità immediata (I) o differita (D,) saranno rifiutate tramite il sistema di interscambio, in quanto emesse in violazione di legge.

Sottocategorie